Armadi di sicurezza per pesticidi

GENERALITA

Ricordare le regole di sicurezza che riguardano lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari

Lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari (pesticidi) deve essere effettuato lontano da acque, raccolti, case, allevamenti di bestiame, zone abitate, linee elettriche etc.
L’area di stoccaggio dei prodotti fitosanitari può essere un bungalow, un container o un armadio di sicurezza. Tale luogo deve essere ventilato e chiuso a chiave (art. 4 D.Lgs. 87-361 del 27 maggio 1987). Le porte devono aprirsi verso l’esterno e il pavimento deve essere idrofobo ( pavimento di ritenzionem o vasca di ritenzione). L’installazione elettrica deve essere conforme alla norma NF C.15.100 e la porta del bungalow, del conteiner o dell’armadio di sicurezza deve avere segnali di sicurezza standard e di pericolo..... ( art. 232-12-14 del Codice del Lavoro e art. 10 del decreto 87-361 del 27 maggio 1987). Bisogna infine, posizionare all’ esterno dell’area di stoccaggio, un estintore (art. R. 232-12-17 del Codice del Lavoro) e attrezzatura per il primo soccorso (articolo R. 232-1-6 del Codice del Lavoro).

Come conservare correttamente i prodotti fitosanitari?

• Dividere i prodotti per famiglie ;
• Aggiornare i prodotti in stock costantemente ;
• Conservare i prodotti nel loro imballaggio originale (art. 3 del decreto 87-361 del maggio 1987) ;
• Esporre la scheda di sicurezza con le informazioni necessarie per la prevenzione degl’incidenti (art. R. 521-53 del Codice del Lavoro) ;
• Conservare esclusivamente il materiale riservato a uso fitosanitario (art. 5 del decreto 87-361 del 27 maggio 1987).
• Disporre di un materiale assorbente in quantità sufficiente per contenere perdite e fuoriuscite ( esempio: tappetino assorbente) ;
• Il locale deve essere munito di attrezzatura di primo soccorso : lavatoio occhi, cassetta di primo intervento..(R.232-16 del Codice del Lavoro) ;
• Disporre di un telefono d’emergenza in prossimità dell’area di stoccaggio ( R. 521-53 del Codice del Lavoro) ;
• Raccogliere imballaggi e contenitori vuoti in un sacco specifico di raccolta e successivo smaltimento da parte di una impresa specializzata ;
• Conservare l’attrezzatura di protezione individuale in un locale specifico (art. 8 del decreto 87-361 del 27 di maggio 1987).
• Installare una doccia di sicurezza in prossimità dell’esterno dell’area di stoccaggio (art. R. 232-1-6 del Codice del Lavoro).

NORMATIVA

Decreto nº 87-361 del 27 di Maggio 1987

Articolo 3 :« I prodotti antiparassitari devono essere conservati nel loro imballaggio originale fino al momento del loro uso. »

Articolo 4 : « I prodotti antiparassitari devono essere collocati in un locale a loro dedicato. Questo locale deve essere areato o ventilato. Deve essere chiuso a chiave se contiene prodotti antiparassitari di classe molto tossica , tossici, cancerogeni, teratogeni o mutanti. La chiave sarà custodita da un operario specializzato. »

Articolo 5 : « Potra essere impiegato solo materiale riservato al trattamento di prodotti antiparassitari. Tutti gli utensili riservati a questo uso devono essere custoditi in un locale specializzato, come riportato nell’articolo 4. »

Articolo 8 : « e attrezzature di protezione devono essere, dopo la loro pulizia, riposte in un guardaroba individuale destinato a tale uso e situato in un area specifica, come riportato nell’articolo 4. »

Articolo 10 : « Impedire ai lavoratori di respirare, fumare, bere e mangiare in tutta nell’area circostante il locale di stoccaggio dei prodotti antiparassitari. »

Codice della Sanità Pubblica

Articolo R.5132-66 : « Sostanze o preparati pericolosi devono essere riposti in un armadio chiuso a chiave o in locali dove l’accesso è vietato alle persone estranee allo stabile e non autorizzate. »

Articolo R.5132-68 : « Le sostanze o preparati pericolosi, così come riportati nell’articolo R. 5132-67 (classificati come nocivi, corrosivi o irritanti), non possono essere conservati a vista, ma bensì separatamente dagli altri preparati. »

POLITICA DEI COOKIE Continuando la tua visita a questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie.